TURBINI IGNOTI di Enrico Maria Buratti

Percorre a notte il vento
le strade della vita;
e come la romita
canzone del tormento
mi batte il cuore frivolo
la nenia del rimpianto;
amica: non è il pianto
come un perlaceo rivolo?
Escende negli abissi
e sale ai cieli tersi;
a volte il sogno aspersi
con le armonie che scrissi.
Se l'odio qualche volta
in seno mi sfavilla
freme nella pupilla
una risata stolta.
Sorrido.
Perchè piangere
quando la vita duole?
Oh! non le nubi il sole
possono in alto infrangere!
Così nel cuore ignoto
freme di luce un sogno;
batte talvolta il sogno
nel mio cervello vuoto!



Commenti

un poeta da scoprire!

Post popolari in questo blog

A CASA DELLA ZIA...IL LIVING.

Roger&Gallet, da IoDonna,3 marzo 2012.

"SIMPAMINA" di G.Guareschi. seconda parte.