XI LETTERA A FANNY BRAWNE

Carissima Fanny,
 ti manderò questa mia non appena ritorni. Dicono che devo restare per qualche tempo confinato in questa camera. Sapere che mi ami renderà la casa attigua alla tua una prigione gradita. Devi venire spesso a trovarmi: stasera, senza fallo-e non badare se parlerò a voce bassa, così mi hanno prescritto, benchè possa parlare forte.
Il tuo per sempre,
dolcissimo amore
J.Keats
Forse tua madre non è in casa e perciò dovrai aspettare che torni. Devi venire stasera e farmi udire la promessa che verrai anche domani. Brown mi ha detto che eravate tutti fuori. Ho passato l'intero pomeriggio ad aspettare la carrozza. Se l'avessi saputo, non sarei stato capace di stare così silenzioso tutto il giorno.

Commenti

Post popolari in questo blog

A CASA DELLA ZIA...IL LIVING.

Roger&Gallet, da IoDonna,3 marzo 2012.

"SIMPAMINA" di G.Guareschi. seconda parte.