XXVLETTERA A FANNY BRAWNE

Mio diletto Amore non devi stare al freddo così a lungo - sospetto che quella finestra fosse aperta. Il tuo biglietto mi ha quasi guarito. Quando vorrò altre arance te lo dirò - queste sono arrivate davvero à propos. Devo mangiare poco, e così mi sento alquanto debole - per il resto sto benissimo. Ti prego, non fermarti così a lungo al piano di sopra - mi fai stare in pena - vieni ogni tanto a fermarti mezzo minuto. Ricordami a tua Madre.
Il tuo sempre affezionato
J. Keats


Commenti

Post popolari in questo blog

A CASA DELLA ZIA...IL LIVING.

Roger&Gallet, da IoDonna,3 marzo 2012.

"SIMPAMINA" di G.Guareschi. seconda parte.