POST A BLOG UNIFICATI..PARTE TERZA...QUANDO S'ARRABBIA LA ZIA.

LO SO.
LO CAPISCO.
AVETE TUTTI LE VOSTRE BUONE RAGIONI.
E' UN'EPOCA BUIA, PARE UN NUOVO MEDIOEVO, SOLO CON I NEON E LE LAMPADINE ECOLOGICHE CHE RILASCIANO MERCURIO.
LA POLITICA E' QUELLO CHE TUTTI BEN SAPPIAMO.
C'E' LA CRISI.
L'ECONOMIA HA SENSO SOLO SE CI AGGIUNGI L'AGGETTIVO "DOMESTICA", CHE UNA VOLTA ERA UNA MATERIA E FA TANTO ANNI '50.
NON DISCUTO LA COSA.
NON SONO UN'OTTUSA OTTIMISTA.
NON CREDO NEMMENO NEL "MIGLIORE DEI MONDI POSSIBILI" DI VOLTAIRE...TROPPO DECADENTE E POCO CHIC.
ANCH'IO SONO STUFA DI SENTIRE PARLARE DELL'ARCURI RETICENTE E DELLA MINETTI POSTULANTE.
MA PRIMA DI CONTINUARE A RIPETERE, CON LA FACILITA' CON CUI SI CANTICCHIA IL TORMENTONE ESTIVO, CHE "LA VITA E' UNA MERDA E OGNI GIORNO NE SONO PIU' CONVINTO" MAGARI PROVATE A VENIRE CON ME.
DOMANI.
PRIMO PIANO DELL'OSPEDALE.
SALA INFUSIONI.
C'E' UNA POLTRONA, VICINO ALLA FINESTRA CHE DA' SUL BEL PANORAMA DELLE ALPI.
SU QUELLA POLTRONA C'E' UN RAGAZZO AFRICANO.
POCO PIU' DI VENT'ANNI, MAGRO COME UNA GAZZELLA.
PASSA SU QUELLA POLTRONA TUTTA LA MATTINA, POI VENGONO A PRENDERLO CON L'AMBULANZA E LO PORTANO IN UN ALTRO OSPEDALE, DOVE LO ASPETTANO NEL REPARTO DI MEDICINA NUCLEARE.
L'INFERMIERA LO SALUTA, LO RIVEDRA' NEL POMERIGGIO, STESSA POLTRONA,STESSA TERAPIA, STESSO SGUARDO SULLE MONTAGNE.
METTETEVI DAVANTI A QUEL RAGAZZO E DITEGLIELO IN FACCIA :"LA VITA E' UNA MERDA".
DITEGLIELO CONVINTI, SENZA ADDOLCIRGLI LA PILLOLA, CHE TANTO E' TUTTO UNO SCHIFO E LUI CHE COMBATTE A FARE?!
DITEGLIELO CHE VI SIETE GIA' ARRESI VOI, FIGURIAMOCI LUI.
SE CI RIUSCITE, GIURO CHE NON M'ARRABBIERO' MAI PIU'.


Commenti

nonna peonia ha detto…
condividiamo al 100 per cento

Post popolari in questo blog

A CASA DELLA ZIA...IL LIVING.

Roger&Gallet, da IoDonna,3 marzo 2012.

"SIMPAMINA" di G.Guareschi. seconda parte.