Quella certa età, G.Guareschi, ultima parte.


A tavola mi fece la terza comunicazione:
-          Se non ti piace vai al ristorante.
Quello non era un desinare, ma una provocazione grave : minestra con  fagioli e cavoli, fritto con contorno di peperoni e cipolle, pane condito, formaggio gorgonzola, fichi secchi di quelli con le mandorle. In più: antipasto di sottaceti e alici in salsa piccante, vino moscato dolce come il miele.
Era palese la cura criminale usata nello scegliere ogni vivanda o bevanda che fosse micidiale per il mio stomaco: avrei avuto il diritto e il dovere di afferrare i quattro lembi della tovaglia e, fatto un fagotto di vivande e stoviglie, buttarlo fuori dalla finestra. Non battei ciglio e sorridendo mangiai ogni cosa.
Poi mi alzai e mi avviai verso il buffet.
-          Non ti scomodare – disse allora Margherita – Puoi rimetterti a sedere e incominciare a urlare che sono una criminale perché ho dimenticato di comprarti il bicarbonato!
Avevo un gatto vivo nello stomaco, ma risposi sorridendo:
-          Non cerco il bicarbonato: mi interessa un bicchierino di cognac.
Mi guardò con odio mortale.
Andai a sdraiarmi sulla poltrona di vimini all’ombra del portichetto e, di lì a dieci minuti, Margherita mi raggiunse.
-          Come si chiama quel famoso avvocato che è specializzato nei divorzi? – mi domandò perentoria.
Le dissi il nome e spiegai che non conoscevo l’indirizzo preciso: sapevo soltanto che abitava a Roma.
-          Lo troverò – esclamò Margherita – Così non si va più avanti. Divorzio! Anzi no! Sarebbe troppo comoda. Niente scandali : scomparirò senza lasciare traccia. Un giorno non mi troverai più. Mi cercherai e non mi troverai.
Accese una sigaretta, tirò qualche boccata poi la buttò via.
Mi fissò con un sorriso sarcastico:
-          Certo – esclamò – ti piacerebbe che io me ne andassi! E invece no! Rimarrò vicino a te, come l’ombra di Banco. Il criminale uccide e il cadavere si dissolve, diventa terra nella terra. A te non riuscirà il gioco: la tua vittima sarà sempre davanti ai tuoi occhi. Il mio cadavere ti perseguiterà.
Il cadavere vivente rientrò fieramente in casa e io andai a spasso per i boschi.
Tornai all’ora di cena e sentii che il cadavere vivente cantava.
Mi sedetti a tavola e di lì a poco arrivò l’ombra di Banco portando riso in bianco e verdura passata.
-          Di sera fa fresco- mi comunicò cordialmente Margherita – S’incomincia a sentire l’autunno.
-           - S’incomincia sì, purtroppo – risposi con molta tristezza.


Commenti

emma 120 ha detto…
Dimmi se ne trvi altri perchè ne voglio leggere ancora
Delina ha detto…
Ne metterò altri, stanne certa!

Post popolari in questo blog

A CASA DELLA ZIA...IL LIVING.

Roger&Gallet, da IoDonna,3 marzo 2012.

"SIMPAMINA" di G.Guareschi. seconda parte.