Perchè continuare a sperare.

Per noi non c'è nulla che possa rimpiazzare l'assenza di una persona cara, nè è cosa questa che dobbiamo tentare di fare; è un fatto che bisogna semplicemente sopportare e davanti al quale bisogna tener duro; a prima vista sembra difficile, mentre è anche una grande consolazione; perchè, restando effettivamente aperto il vuoto, si resta anche reciprocamente legati da esso.
Si sbaglia quando si dice che Dio riempia il vuoto; non lo riempie affatto, anzi lo mantiene appunto aperto e ci aiuta in questo modo a conservare la comunione tra di noi - sia pure nel dolore.
Portiamo allora dentro di noi la bellezza del passato non come una spina, ma come un dono prezioso.

(D.Bonhoeffer)



Commenti

Post popolari in questo blog

A CASA DELLA ZIA...IL LIVING.

Roger&Gallet, da IoDonna,3 marzo 2012.

"SIMPAMINA" di G.Guareschi. seconda parte.