LA FELICITA' DELLA TERRA.

"La prima mattina che il cielo tornò sereno, Mary si svegliò molto presto. I raggi del sole filtravano obliqui attraverso le imposte, e lei ne fu talmente felice che saltò giù dal letto e corse a spalancare la finestra. Un'ondata di aria fresca e profumata la investì. La brughiera era azzurra, e il mondo intero sembrava essere percorso da un incantesimo. Qua e là, in ogni dove, si udivano leggeri suoni melodiosi, come se decine e decine di uccelli si preparassero a intonare il loro concerto. Mary si sporse dalla finestra, tendendo le mani al sole.
"Che bel sole caldo!...", esclamò. "Questo calore spingerà sempre più in alto le piccole puntine verdi, e farà lavorare bene sottoterra i bulbi e le radici".
(...)
Tolse la catena e il chiavistello, girò la chiave, aprì la porta, saltò i gradini d'un balzo ed eccola sull'erba che di colpo si era fatta verde, con il sole che la investiva in pieno e dolci soffi di brezza e pigolii e cinguettii e canti dentro ogni albero e cespuglio intorno a lei. Battè le mani dalla gioia e sollevò gli occhi al cielo: era azzurro, rosa, perlaceo, inondato dalla luce primaverile. Desiderò di cantare, e comprese allora come i tordi, i pettirossi e le allodole non potessero proprio farne a meno...
-da IL GIARDINO SEGRETO, F.H.Burnett -

ACHILLE E IL GIARDINAGGIO










Commenti

emma 120 ha detto…
Che birba Achille, stava mordicchiando la paletta

Post popolari in questo blog

A CASA DELLA ZIA...IL LIVING.

Roger&Gallet, da IoDonna,3 marzo 2012.

"SIMPAMINA" di G.Guareschi. seconda parte.