Lungo la strada.









Potessimo avere in noi
la santa impudicizia
della natura
che esalta i suoi germogli
contro l'inverno
potessimo come un merlo
farci un nido ben sapendo
che anche il predatore ne avrà gloria
misura di giustizia rinnovata
dal canto
e dal fresco della sera.



Commenti

max ha detto…
La natura da Dea e Maestra a schiava dell'Uomo... Tornare ad Amarla è tornare ad amare anche noi stessi che ne siamo parte... Un saluto :)
zia Delina. ha detto…
Sono in piena sintonia...

Post popolari in questo blog

A CASA DELLA ZIA...IL LIVING.

Roger&Gallet, da IoDonna,3 marzo 2012.

"SIMPAMINA" di G.Guareschi. seconda parte.