Come se non ci fosse un domani.

Quante volte abbiamo sentito questa curiosa espressione?
Forse all'inizio aveva una coloritura squisitamente filosofica e il "Come se non ci fosse un domani" si riferiva propriamente a un modo di vivere fatalista e passionale.
Ma alla fine abbiamo accordato praticamente a ogni cosa questa qualità.

immagine dal web

Io, in questo periodo, sto studiando il francese "come se non ci fosse un domani".
Perchè la quotidianità fiacca anche le migliori intenzioni e ho bisogno di un sogno che più grande non si può, per aprire il cuore e respirare e sperare.
E questo sogno ha un indirizzo, un numero civico e una finestra con la ringhiera per appoggiarsi a guardare la vita e un gatto grigio che passeggia sui tetti.
Bisous bisous...


Commenti

Post popolari in questo blog

A CASA DELLA ZIA...IL LIVING.

Roger&Gallet, da IoDonna,3 marzo 2012.

"SIMPAMINA" di G.Guareschi. seconda parte.